Progetto 383/00 lett. f anno 2012 - Le Attività territoriali di progetto dell'Endas Puglia

L'iniziativa di Turismo Sociale "Alzati e Cammina"

Sono in pieno svolgimento le attività territoriali del progetto di Promozione Sociale: "Invecchiamento attivo e Solidarietà tra Generazioni. La quasi totalità delle sedi partecipanti al progetto hanno scelto di seguire le direttive dettate dal Coordinamento Nazionale di progetto, che prevedono il coinvolgimento di destinatari over65 in attività di tempo libero finalizzate alla motivazione ed alla facilitazione alla regolare partecipazione alla vita di comunità. In particolare si è proposto, durante l'incontro avvenuto in Val D'Agri in Basilicata, di organizzare attività basate sul Turismo Sociale, in cui i giovani volontari Endas nel corso delle escursioni programmate, faranno da guida in itinerari ambientalistici e culturali di notevole interesse demoetnoantropologico, costruendo così attività di tipo sperimentale da poter utilizzare in futuro dall'Endas in progettazioni diverse dalla presente.

E' riportata di seguito una delle proposte sperimentali e meglio riuscite del progetto in corso; si tratta dell'iniziativa territoriale "Alzati e Cammina" , portata avanti in collaborazione tra l'Endas Regionale Puglia e l'Endas Provinciale Taranto. L'iniziativa è nata dalla necessità di organizzare un turismo sostenibile che abbia a cuore le vocazioni dei territori pugliesi e al contempo la tutela delle fasce sociali più esposte a fenomeni di abbandono e di esclusione sociale

 

 

Alzati e Cammina “ è un progetto di  turismo ecosostenibile di promozione del patrimonio antropologico culturale, artistico e ambientale che è iniziato in Puglia sulle colline Joniche ma che ha l’ambizione di attraversare la Basilicata e parte della Calabria. Il progetto è nato sull’idea di sensibilizzare le coscienze e creare modelli di sviluppo culturale al fine di praticare e promuovere attività turistiche, didattiche, escursionistiche e di benessere fisico attraverso le passeggiate e l’impiego della bicicletta in un rapporto con l’ambiente circostante salutista ed eco-sostenibile. Le attività Green di attraversamento lento del territorio  prevedono piacevoli escursioni didattiche e di gruppo in aree collinari e pianeggianti, dove il traffico da automezzi sia quantitativamente trascurabile o addirittura assente. L’esperienza vissuta dai Destinatari insieme ai Volontari è stato un reciproco arricchimento culturale e giocoforza un toccasana per entrambi. Il benessere fisico di tutti i partecipanti è stato raggiunto attraverso uno "scambio intregenerazionale" in cui giovani ed "anziani" hanno visitato luoghi dal notevole contenuto ambientalistico e culturale come le Cento Masserie ( tra cui la Masseria Belmonte e la Quis ut Deus ) , i Trulli, il Castello Aragonese di Taranto, la Taranto Sotterranea con le Tombe a Camera e i primi insediamenti della Magna Grecia, le Grotte Paleolitiche. Da sottolineare che nel corso di tutte le escursioni non è stato trascurato assolutamente l'aspetto motorio-sportivo, in quanto  attraverso il Green Walking (pratica che prevede esercizi di riscaldamento, stretching e yoga e Walking) che sono avvenute tutte le escursioni.

Passeggiare consapevolmente nella straordinaria bellezza del territorio delle Cento Masserie, immerso nella macchia mediterranea ,ha reso possibile proprio grazie ai tantissimi sentieri presenti, ai destinatari del Progetto accompagnati dai volontari, di  raggiungere, piacevolmente e dolcemente  anche il Mar Piccolo, passando attraverso il suggestivo ex convento dei Frati Battendieri oltre che giungere alla bellissima e ricca riserva orientata oasi WWF palude “La vela”.  L’attraversamento lento del territorio non poteva prescindere dalla passeggiata, quest'ultima è stata effettuata tenedo conto di tutti gli standard relativi alla prevenzione della sicurezza sia fisica che psicologica del destinatario; per questo motivo le escursioni eco-turistiche nelle chiesette rupestri, nei famosi trulli e nelle grotte paleolitiche sono state realizzate in affiancamento a guide esperte certificate e da autorevoli contributi didattici. A tal proposito è stato attraverso la collaborazione con le AssociazionI  Asd Biciavventura (che si occupa di turismo ecosostenibile) e l’Associazione Amici da Sempre che è stato possibile prendere parte alle escursioni naturalistiche (ma l'obbiettivo per il 2014 è anche riuscire a partecipare al noto Carnevale del Fegatino che si tiene nel mese di Luglio e alla Sagra del Peperoncino realizzata nei primi giorni di settembre nel vicino Comune di Crispiano). 

Continuando nel percorso naturalistico nel secondo seno del Mar Piccolo di Taranto da un borgo storico restaurato e splendidamente arredato da Culti, da questo luogo antichissimo è stato possibile raggiungere in canoa e in navi turistiche il canale navigabile della città di Taranto e visitare con guide formate dall’Endas l’imponente Castello Aragonese. La passeggiata continua lungo la marina della città vecchia, ove si svolge il Palio di Taranto ( gara di barche tipiche tarantine )  e la festa del Santo Patrono San Cataldo nel mese di maggio. Il progetto si concluderà con una gita sociale stabilita per le vacanze di Pasqua sull’Appennino tosco emiliano, la prima tappa sarà San Leo, antico borgo situato su un alto monte. La cittadina ospitò Dante e S. Francesco d’Assisi che qui ricevette in dono il monte della Verna dal Conte Orlando. Spostamento in hotel a Balze, località turistica dell’Appennino Tosco emiliano, a poca distanza dal monte Fumaiolo e dalle sorgenti del Tevere ove sarà possibile una  passeggiata Green Walkingalla baita Biancaneve. Proseguendo nelle giornate un escursione con guida Endas a Poppi, pittoresco borgo cinto di mura nel Casentino ,dominato dal grandioso merlato castello pretorio. Dopo una breve visita ad Arezzotutti a riposo per essere in forma il giorno dopo con l’ escursione alla Verna ,visita del famoso Santuario e escursione a Pennabelli – i luoghi dell’anima. Prima del ritorno e la conclusione del progetto , escursione ad Anghiari ,piccolo borgo medioevale della Toscana ,circondato da mura del ‘200;qui si respira aria di altri tempi.

L'obbiettivo a lungo termine del progetto è comunque quello di creare una geo-comunità tra i comuni della Provincia Jonica. Primo in ordibne di importanza tra i risultati da ottenere è la valorizzazione del territorio come importante fattore di produzione inserendo dinamiche di social business e simbiosi turistica. A tal proposito in simbiosi con il progetto si inseriscono strutture ricettive di gran pregio a contatto con la natura e gli ulivi secolari. 

In conclusione Alzati e Cammina sulla Green Road del Turismo Sociale.