Casalnuovo 2013: punto di partenza per la formazione di una nuova classe dirigente

Dal 27 al 30 giugno 2013, nei locali dell’Hotel San Mauro di Casalnuovo in provincia di Napoli, si è svolto lo stage finale formativo del Progetto di promozione sociale relativo al finanziamento per l’anno 2011 Legge 383/00 lett. F: “Giovani ed attività di volontariato – un impegno comune per la promozione della cittadinanza attiva”. Questo evento, seppur rappresentando il momento conclusivo del suddetto progetto, è da considerarsi il primo atto per la formazione di una nuova “giovane” classe dirigente Endas, nonché un importante momento di confronto utile per  approfondire e discutere, con esperti di diversi settori, le tematiche concernenti il mondo del volontariato. In altri termini, contrariamente a quanto è stato fatto negli ultimi anni, allo stage finale hanno partecipato i volontari che svolgono già da anni importanti compiti di volontariato per conto dell’Endas, rafforzando in questo modo la loro formazione personale per prepararli ad iniziare un percorso che li porterà a ricoprire in futuro ruoli di primo piano nel mondo del Terzo Settore Italiano. Le giornate questa volta sono state organizzate mettendo in primo piano la dimensione formativa ma senza perdere di vista le tematiche progettuali. I giovani quadri, provenienti da tutte le regioni italiane,  hanno preso parte diversi moduli formativi alternando momenti di ascolto a momenti di partecipazione attiva, in quanto si sono trattati tutti i temi relativi al mondo dell’Associazionismo, sia a livello tecnico amministrativo sia a livello operativo. Nella fattispecie gli “insegnamenti” hanno riguardato le seguenti tematiche:

-  Amministrazione: Riconoscimenti amministrativi dell’Endas e Fund raising (a cura del dott. Ivo Coppola) e Rapporti di lavoro negli enti no profit (a cura del dott. Fabio Piergiovanni)

Disciplina tributaria: Regimi contabili, adempimenti contabili/rimborsi e Normative di settore e bilancio degli enti no profit (rispettivamente a cura del dott. Vittorio Benedetti e del dott. Corrado Paolicchi)

Promozione Sportiva e turistica: Organizzazione sportiva e progettazione eventi ( rispettivamente a cura del sig. Giovanni Cristoforo e del dott. Ivo Coppola)

Comunicazione: Comunicare nel mondo del no profit e analisi dei siti web ad esso dedicati (a cura della dott.ssa Monica Morleo)

Ambiente: L’Associazionismo ambientale e ipotesi di lavoro ad esse correlate 8° cura del prof. Paolo Giuntarelli) 

Promozione Sociale: Attività di formazione quadri (a cura del dott. Fabio Piergiovanni)

Le relazioni, tutte di estremo livello, hanno originato, non a caso, nel corso del dibattito, molteplici interventi da parte degli “uditori”. Gran merito per il successo e per la buona riuscita dello stage formativo va sicuramente allo staff dell’Endas Campania che ha gestito nel modo migliore l’alternanza di momenti formativi e di riflessione a quelli di svago e di confronto, c’è inoltre da sottolineare che l’affluenza dei partecipanti tra volontari di progetto, giovani quadri, dirigenti e persone accompagnatrici è stata rilevante, ma grazie al grande spirito di sacrificio e di collaborazione sia dell’Endas Campania sia di tutti i presenti si è riusciti a raggiungere tutti gli obbiettivi prefissati soprattutto dal punto di vista della diffusione delle best practice relative alla collaborazione ed alla solidarietà tra gli individui sia all’interno che all’esterno del tessuto associativo. Si evince inoltre da quanto descritto, che il superamento delle barriere intergenerazionali non è solo un obbiettivo progettuale nazionale rivolto a destinatari appartenenti a categorie da tutelare, ma è anche un risultato da ottenere all’interno della nostra stessa Associazione, utile per promuovere confronto e dialogo tra tutti e per trovarci preparati  in anticipo ai cambiamenti che anche il mondo dell’Associazionismo dovrà affrontare nelle sfide degli anni a venire. In conclusione, anche stimando i risultati emersi dalle schede di valutazione, l’organizzazione di stage formativi come questo è un’esperienza riuscita e da ripetersi.

Promozione Sociale